BANKING AREA

Tel: 051 9912749

   

AREE D’INTERVENTO

Illeciti Bancari →
Recupero denaro →
Tutela contro abusi →

CHI SIAMO

Team di professionisti del settore della difesa e tutela contro gli abusi bancari

BANKING SCREENENG
CHECK GRATUITO

CHECK GRATUITO

Richiedi subito uno screeneng banking
RICHIEDI LO SCREENENG 

CONTATTACI

Dopo le storiche sentenze del Tribunale di Milano del 25/03/2015 e del 03/04/2015 che hanno…

Nel 2014 il numero dei procedimenti penali in corso nei tribunali italiani per usura “bancaria”…

D
USURA BANCARIA
E’ opinione comune considerare le banche come “entità” intoccabili dove si crede 
che venga fatto tutto “a norma di legge”. 

Ed invece, la Corte di Cassazione si è “accorta” che anche le banche praticano l’usura, certo non tutte e non nello stesso momento, ma la cosa desta comunque la nostra preoccupazione perchè viene fatto in maniera sibillina, ossia, a fronte di un tasso di interesse lecito, nelle piccolissime condizioni contrattuali che il consumatore è tenuto a firmare, ci sono piccole “aggiunte” di percentuali sul capitale finanziato, che trasformano il contratto da lecito ad usuraio.

L’usura bancaria è un problema sommerso che riguarda tutti.

DA QUANTO CI RISULTA, A FRONTE DI UNA RICHIESTA DI EROGAZIONE DEL CREDITO VENGONO APPLICATI DALLE BANCHE TASSI DI INTERESSE TRA IL 30% E IL 50% .

Togliere liquidità in questo modo ad un imprenditore o ad un padre di famiglia equivale a metterlo in ginocchio !

Come difendersi allora dai soprusi di chi, oltre alla restrizione del credito, applica anche onerose condizioni per cui ne rende più difficile il rimborso ?

Chi ha in corso rapporti di affidamento bancario ovvero ha acceso un mutuo ipotecario e/o chirografario, anche estinti alla data attuale ma non meno di 10 anni, può effettuare un controllo trimestre per trimestre per verificare il superamento dei tassi soglia da parte della Banca e, nel caso di probabile superamento delle soglie di usura, l’ignaro cliente potrebbe ritrovarsi con una forza contrattuale insperata nei confronti degli istituti di credito ed ottenere il giusto risarcimento.

La BANKING AREA di Protezione Patrimoniale ha già permesso a molti cittadini comuni e imprese di accertare innumerevoli casi di anomalie finanziarie e bancarie sui loro conti correnti e di ottenere cospicui risarcimenti ed in tempi rapidissimi, senza necessità di instaurare una causa contro la Banca.

MA COS’E’ L’USURA?

Si ha usura quando il corrispettivo di una prestazione in denaro consistente nella 
richiesta di interessi, spese e commissioni costituisce un costo totale finanziario
estremamente esoso in relazione alla categoria della prestazione, all’entità della 
prestazione ed alle dinamiche finanziarie del mercato.

L’usura in conto corrente è così determinata dai costi addebitati al correntista
 connessi alle operazioni di erogazione del credito, ai sensi dell’art. 1, comma 3, L. 108/96: per la determinazione del tasso di interesse usuraio si tiene conto, delle
commissioni, remunerazioni a qualsiasi titolo e delle spese, escluse quelle per imposte e tasse, collegate all’erogazione del credito.

D


Quando il corrispettivo è usuraio ?


Per semplicità, il corrispettivo è determinato quale percentuale di costo applicata
 ad un valore per un determinato periodo. Quindi, nel caso degli interessi, il corrispettivo è dato dal TASSO PASSIVO applicato dalla Banca.

L’art. 2 della L. 108/96 indica che il Ministro del Tesoro, sentito l’Ufficio Italiano Cambi e la Banca d’Italia, fissa trimestralmente i tassi soglia usurai per categoria di finanziamento. 
Fra le categorie esiste anche l’apertura di conto corrente, nonchè tutte le varie tipologie di affidamento o finanziamento. 
Il corrispettivo diviene usuraio, quando il tasso applicato dalla Banca è superiore al tasso soglia. 



D


Come calcolo il tasso bancario ? 


Anche in questo caso, la legge è intervenuta dandoci un modello di calcolo che non è quello della Banca. 



Art. 1, comma 1, L. 108/96 : “ . . . per la determinazione del tasso di interesse usuraio si tiene conto delle commissioni, remunerazioni a qualsiasi titolo e delle spese, escluse quelle per imposte e tasse, collegate alla erogazione del credito.“



Quindi: 

( interessi + commissioni massimo scoperto + spese ) x 365.  

In questo modo si ottiene il TAN ( Tasso Annuale Nominale ).

A questo punto è importante calcolare il TAEG ( Tasso Annuo Effettivo Globale ) che partendo dal TAN e tenendo conto della capitalizzazione trimestrale degli interessi evidenzia il reale tasso applicato dalla banca nel rapporto di conto corrente. 



ECCO QUINDI LA GENERAZIONE DELL’USURA ! 


Quando il TAEG è superiore al tasso soglia esiste usura. 
A questo punto, il comma 3 dell’art. 644 del Codice Penale interviene ponendo un secondo limite. 
E cioè, se il TAEG è superiore al tasso soglia + 25% + 4 punti, allora l’usura e gli interessi sono sempre considerati USURA OGGETTIVA, aggravando la posizione della Banca che li ha applicati. 

D


E UNA VOLTA ACCERTATA L’USURA ? 


IN SEDE PENALE ?



L’art. 1 della L. 108/96 fissa le seguenti pene a carico dell’usurario :
– Reclusione da 1 a 6 anni
– Multa da € 3.098,74 a € 15.493,71

Nel caso di condanna, è sempre ordinata la confisca dei beni costituiscono il profitto o il prezzo del reato ovvero di somme di denaro, beni ed utilità di cui il reo ha la disponibilità anche per interposta persona per un importo pari al valore degli interessi o degli altri vantaggi o compensi usurai, salvi i diritti della persona offesa dal reato alle restituzioni ed al risarcimento dei danni.

D


E UNA VOLTA ACCERTATA L’USURA ? 


IN SEDE CIVILE ?



La Cassazione sull’usura bancaria apre le porte al risarcimento.



Gli imprenditori o persone fisiche che hanno subito danni a causa dell’usura bancaria possono richiedere come risarcimento non solo la quota marginale di denaro che gli è stato estorto durante gli anni di mantenimento del conto affidato, come accade nell’anatocismo, ma una CIFRA MOLTO SUPERIORE, che raggiunge in certi casi l’INTERO AMMONTARE DEL CAPITALE PRESO A PRESTITO PIU’ GLI INTERESSI, perchè trattandosi di illecito penale, l’usura comporta l’annullamento del contratto stipulato con la Banca.



Ovviamente queste azioni legali nei confronti delle Banche devono rientrare in una precisa STRATEGIA.


Quindi, a seconda della strategia perseguita, per l’imprenditore sarebbe molto più conveniente, in certe occasioni, trattare al ribasso i criteri per il calcolo del risarcimento in sede di mediazione, per avere altre agevolazioni in termini di allungamento o alleggerimento delle condizioni di rientro delle proprie posizioni debitorie e di annullamento di eventuali decreti ingiuntivi o istanze di fallimento inviate dai vari tribunali all’azienda su iniziativa delle Banche.[/column_1]

CONTACT ME